Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Niente. Io non ho ben capito per quale motivo mi ostini ancora a partecipare al concorso internazionale della Mole. Si avete capito bene, quello al quale avevo già partecipato l’anno scorso, e l’anno prima. Sempre dicendo che ogni volta sarebbe stata l’ultima. Quest’anno per sfregio ho deciso di partecipare, consapevole dal momento dell’iscrizione che nulla sarebbe andato  a buon fine. Per chi non lo sapesse il concorso consiste nel realizzare un’illustrazione all’interno della sagoma della Mole Antonelliana, simbolo di Torino. Bene il primo anno impiegai una settimana a realizzare il mio progetto, il secondo 3 giorni, quest’anno invece ho voluto strafare. Un pomeriggio.

Per quanto, come precedentemente ho scritto, sapessi già come sarebbe andata a finire, mi sono impegnata allo stesso modo degli anni precedenti nonostante il tempo impiegato. Dare il massimo nel mio caso va oltre la consapevolezza del risultato.

E quindi eccomi qui a presentarvi la mia ultima Mole (stavolta per davvero, perchè ok il masochismo ma a na certa anche basta). Questa Mole l’ho dedicata al Premio Nobel Rita Levi Montalcini, la quale era nata e cresciuta per una parte della sua vita a Torino. Mi piaceva l’idea di rappresentare qualcuno di grande nel vero senso della parola, che fosse legato a Torino ma che rappresentasse anche un orgoglio per l’Italia intera (o perlomeno per me).

serena cendron mole montalcini.jpg

Come ormai è noto non mi piacciono i ritratti nel senso stretto del termine, per cui noterete uno stile un po’ impreciso (o personale?), ma mi auguro sia almeno riconoscibile 🙂 Per il resto sì, soliti fiori… perchè ? non lo so.  Detto questo spero piaccia almeno a voi ! A presto

20170305_175130

Mole in corso d’opera

Annunci